Alinica

Il luogo da conoscere?

Nel nostro territorio sono stati individuati alcuni siti archeologici una domus de janas e un nuraghe, non ancora fruibili per i visitatori. Mi piacerebbe farli conoscere, per scoprire le tracce di una storia molto antica.


Il tuo piatto da assaggiare?

La zuppa gallurese: strati di pane raffermo e formaggio fresco, innaffiati dal brodo di carne, e aromatizzati con foglie di menta fresca.Tutto cotto al forno. Piatto unico, semplice e saporito.


L’oggetto made in Sardinia che vorresti avere?

L’ispuligadente, letteralmente lo stuzzicadenti. Nella tradizione orafa sarda questo oggetto era un ciondolo che arricchiva i gioielli di famiglia, con una parte appuntita e un minuscolo cucchiaio, per l’igiene quotidiana di denti e orecchie. In realtà fuori dal loro uso ci appaiono oggetti molto raffinati, che oggi abbelliscono i costumi tradizionali.


La tua formazione?

Mi sono laureata in lingue con una tesi sulla sulla “Beat Generation”. Mi è subito piaciuto il tema, perché quella dei giovani americani “beat” è stata una generazione che ha scommesso sulla vita giorno per giorno senza pianificare, questo ha reso certo dura la loro esistenza, ma anche più intensa e più emozionante.


Cosa ti piacerebbe fare per Budoni?

Educare alla conoscenza del territorio con progetti didattici. Così i bambini imparano a conoscere il luogo in cui vivono, lo rispettano e rinforzano la loro identità. A volte bastano piccole cose: togliere la sabbia dai piedini dei nostri piccoli è un modo per insegnare loro a preservare la spiaggia dei loro giochi.


L’esperienza di Budoni Welcome?

Il bello di questo lavoro? Mi permette di comunicare con la gente, persone diverse. Soprattutto mi piace promuovere e far conoscere il territorio in cui sono nata e vissuto. In centro, mi piace il fatto che vengono a trovarci anche persone del posto, curiose di conoscere il nuovo volto di Budoni. Ottiolu mi piace perché sento il profumo del mare. Una fortuna respirare la salsedine e sentire le onde dal posto in cui si lavora.


Il tuo posto speciale?

Non potrei vivere senza il mare. Il tramonto a Pineta Sant’Anna e Porto Ainu, con i colori mozzafiato.Quando posso mi fermo a guardare questo spettacolo che lì sembra davvero unico.


Dove siamo