Melania

La tua formazione?

Laurea in scienze della comunicazione a Sassari, con una tesi sul cinema di Almodovar. Erasmus a Valencia per perfezionare il mio il mio spagnolo, poi un soggiorno a Londra dove ho studiato inglese e lavorato. Un esperienza forte: ho imparato sul campo la lingua e sono molto contenta di avere superato la difficoltà che comporta spostarsi in un paese straniero. Tornata in Sardegna ho lavorato come vigile urbano. Da quella esperienza ho imparato a gestire situazioni non sempre facili con il pubblico.


L’esperienza di Budoni Welcome?

Un progetto grande per Budoni e per me. Mi sento responsabile perché facendo accoglienza ci mettiamo la faccia. Un approccio diverso, ma gratificante quando il turista ci ringrazia. A Ottiolu mi piace il contesto, mentre a Budoni il tempo scorre velocemente, c’è un flusso continuo di visitatori con esigenze molto diverse. È molto stimolante.


Il tuo posto speciale?

Ludduì. Ci si arriva da Agrustos. È un piccolo borgo su una collina da dove si vede tutto il territorio di Budoni: la vallata e il centro, i borghi e le colline a sud, insomma una vista spettacolare. Scoperto con una mia amica qualche anno fa, quando mi capita ci porto amici in visita qui da noi.


Il luogo da conoscere?

Io adoro camminare e le stradine di campagna sono un modo per scoprire l’entroterra. Per esempio, ne conosco una che dal borgo di Tamarispa porta a una località chiamata “Sa funtana e s’elica” (la fonte della quercia), ai confini con il comune di Torpè.


L’oggetto made in Sardinia che vorresti avere?

Il tipico zaino del pastore fatto di cuoio, “sa tasca”. Questa borsa, dalla forma semplice, nella tradizione serviva al pastore per portarci il suo pasto mentre badava al gregge. Dentro c’era pane, formaggio e l'immancabile coltello sardo.


Il tuo piatto da assaggiare?

“Su pane frattau”. Si tratta di fogli di pane carasau immerso nell’acqua bollente, condito con pomodoro e pecorino grattugiato, servito poi con un uovo all’occhio di bue in cima. Un modo per cucinare un alimento semplice e in maniera gustosa. Gli ingredienti sono sempre in dispensa.


Cosa ti piacerebbe fare per Budoni?

Conoscere i luoghi dove pastori e allevatori lavorano. Incentivare le passeggiate nella natura con sentieri di trekking leggero. Perché Budoni non è solo mare.


Dove siamo