CURIOSITÀ DAI TURISTI

Territorio, cultura e identità: le richieste degli ospiti a Budoni

Come mai alcune donne si vestono di nero e usano il muncadore, il fazzoletto che avvolge il capo? Che significato ha la fede sarda in filigrana? E i balli tradizionali?


Sono solo alcune delle curiosità dei turisti raccolte nei due Info Point di Budoni, via Nazionale e Porto Ottiolu, dagli operatori Alinica, Antonella, Manuela, Emanuel, Melania, Valeria e Gian Salvatore.


I quesiti più singolari giungono prevalentemente dai tedeschi di tutte le età, ma anche da spagnoli, olandesi e polacchi: in tutti i casi l’interesse per loro è soprattutto di tipo culturale e antropologico, raramente mondano. Chiedono di conoscere gli eventi folk, gli agriturismi in cui gustare i piatti tipici, e non potrebbero lasciare Budoni senza prima avere esplorato il territorio nelle escursioni offerte gratuitamente presso gli Info Point.


«Cerchiamo di consigliare in maniera equa tutte le strutture e i tour operator della zona” - spiega Alinica - per contribuire a migliorare sempre più la sinergia fra tutti gli operatori». Viceversa, i sette ambasciatori del territorio raccolgono costantemente, attraverso appositi moduli, tutte le osservazioni, critiche ed esigenze proposte dai turisti «in modo tale da modulare l’offerta turistica ed esperienziale in base a ciò che più gradiscono», prosegue Antonella. E la proposta che emerge protende verso la cultura identitaria.


Dove siamo