CASCATE DELLA SARDEGNA

Le cascate sarde sono spettacoli naturali che si manifestano principalmente nel periodo autunno/primavera, quando le piogge abbondanti rimettono in moto percorsi naturali d’acqua che scivolano in pendii rocciosi, spesso ricoperti da ricca vegetazione. Un’immersione straordinaria nella natura più selvaggia, raggiungibile attraverso percorsi talvolta tortuosi e talvolta semplici, ma non meno suggestivi. Lasciatevi avvolgere dallo spirito selvaggio di queste foreste e lasciate che quella pioggerella finissima, che arriva dall’acqua che si infrange con violenza nelle rocce, vi veli il viso, donandovi quella sensazione di ritorno ad una realtà remota, che solo certi incontaminati luoghi vi possono restituire.

Partiamo con le cascate più vicine a Budoni:

Cascata Rio Pitrisconi a San Teodoro (SS). Il Rio Pitrisconi è il principale fiume che scorre sul monte Nieddu. In questo ambiente montano, ricco di picchi rocciosi e aspri crinali, il corso d’acqua attraversa un canyon generando cascate, piscine naturali e scivoli acquatici nei quali è possibile tuffarsi da diverse altezze in sicurezza. Facilmente raggiungibile dalla SS125 direzione Olbia, accesso dalla frazione Straulas di San Teodoro.

Piscine di Monte nieddu, San teodoro (SS)

Cascate di S’Illiorai, Bitti (NU). Isolate, in un ambiente dove la presenza dell’uomo è rara e sporadica troviamo le bellissime, e sconosciute ai più, cascate di “S’Illiorai”. Siamo nel territorio di Bitti, terra ricca di storia e forti contrasti, di morbide colline punteggiate, quasi con ordine, da secolari querce, di impervie e inaccessibili montagne, di praterie brulle e fitte foreste, di santuari campestri e siti nuragici ma anche di vitali sorgenti: appunto da queste montagne nasce il Tirso. Raggiungibili percorrendo la strada che da Bitti porta in località “Mamone” svoltiamo a sinistra poco dopo la colonia penale, percorriamo la strada sino alla fine del tratto asfaltato dove poco dopo sarà bene parcheggiare. Siamo in regione “Keddai”: un verde e fertile altipiano dove il bianco delle greggi al pascolo, il profilo seghettato dei rilievi circostanti e più in basso gole e fiumi sempre vivi sono paesaggio da cartolina.

Cascata di S’Illiorai, Bitti (NU)

Cascata Neulavè, Padru. Nella località Sa Pedra Bianca, dopo aver percorso con la macchina strade che si affacciano su foreste di sugherete nel territorio di Padru, seguite le indicazioni per la località Sas Enas: il sentiero non è segnalato ma abbastanza semplice e intuitivo. Poco prima del cartello stradale Sas Enas, sulla destra, c’è un piccolo spiazzo dove poter parcheggiare l’auto. È da qui che inizia il percorso. Durante il sentiero troverete 3 cancelli facilmente scavalcabili. Arrivati al terzo cancello proseguite dritti sul sentiero davanti a voi verso un quarto cancello in stato di abbandono. Qualche metro prima di quest’ultimo, girate a destra verso un evidente sentiero in ripida discesa, in meno di 5 minuti arrivate alla cascata. Tempo di percorrenza: 10/15 minuti dal parcheggio.

Cascata Neulavè, Padru (SS)

Cascata Sas Lapias, Bitti (NU). Nei pressi del territorio di Bitti, vicino al santuario nuragico di Su Romanzesu, si trova questa suggestiva cascata stagionale, ammirabile principalmente in autunno e primavera. Si deve seguire la SP50 in località Monte Ruju, purtroppo nonostante siano abbastanza vicine alla strada (500 m tra andata e ritorno, con 30 m di dislivello), il sentiero non è indicato, si deve seguire una strada in proprietà privata che vi condurrà a questa meraviglia nascosta.

Sas Lapias, Monte Ruju (NU)

Cascata Capo Nieddu, Cuglieri (OR). Un fiume che si getta direttamente in mare con un salto di 40 metri: ve ne sono pochissime di questo genere in Italia e in Europa. Questa meraviglia è un esempio mozzafiato di come la natura decide di regalare uno spettacolo agli occhi dell’uomo. Uno spesso strato di basalto, lo stesso che si estende ininterrottamente fino all’altopiano di Campeda, incontra il mare nei pressi di Capo Nieddu, a Cuglieri in provincia di Oristano, e s’interrompe. È qui che un torrente chiamato Rio Salighes raggiunge il mare, attivo solamente in primavera e dopo periodi piovosi. Il torrente non ha avuto il tempo né la forza di abbassare il livello della roccia a una quota ragionevole per qualsiasi fiume. Troppo dura la roccia su cui scorre. È raggiungibile dopo un percorso di 9 km, ideale per gli appassionati di trekking, attraverso sentieri sulle falesie calcaree esposte verso il Mediterraneo.

Cascata Capo Nieddu, Cuglieri (OR)

Cascate di Sotzai e piscine di Bau Mela, Villanova Strisaili (NU). Sorgono a 2 chilometri dal paese di Villanova Strisaili ed è una delle mete più sorprendenti e suggestive della Barbagia ogliastrina. Infatti, nel bel mezzo della vegetazione, si scorge un salto di 70 m circa con una larghezza alla base di 30 m. Un piccolo paradiso tra querce, pietre levigate e acqua chiarissima.

Piscine di Bau Mela, Villanova Strisaili (NU)